Albero di arancio: tecniche di coltivazione utili da conoscere

97

Stai pensando di coltivare l’albero di arancio nel tuo giardino? E’ un’ottima idea, perché questo buonissimo frutto è necessario per il benessere del nostro corpo. Sappiamo bene infatti che si tratta di un frutto ricco di vitamina C ma anche di tanti sali minerali e di fibre.

Come già sai, l’albero di arance fruttifica durante i mesi invernali. Il nome botanico è Citrus Sinensis ed è un agrume. Appartiene alla famiglia delle Rutacee. Indicato alla coltivazione è l’albero dell’arancia dolce, come quelle che vengono vendute dall’Azienda Agricola Giovanni Blandini.

In Italia è una delle piante da frutto più diffuse, specialmente nella Sicilia, che vanta il 70% di produzione annua di arance nel Paese. Questo perché possiede un clima perfetto per la sua coltivazione. Ha un periodo di riposo di circa 3 mesi e il fatto curioso è che i suoi fiori e i suoi frutti tendono a uscire nello stesso periodo.

6 consigli per coltivare l’albero di arancio

Devi sapere una cosa. Per coltivare l’albero di arancio, devi lavorare bene e con frequenza. Altrimenti non otterrai un albero sano e rigoglioso che ti offre i suoi generosi e abbondanti frutti. Ha bisogno di cure, accortezze e un pizzico d’amore.

  1. Spazio a disposizione: si tratta di un albero non troppo grande, ma comunque di media è alto tra i 7 e i 10 metri e in alcune occasioni arriva anche a 15. Perciò devi avere un po’ di spazio in giardino per coltivarlo. Se lo coltivi in vaso automaticamente resterà più piccolo.
  2. Esposizione: l’albero di arancio ha bisogno di prendere circa 5 ore di sole al giorno.
  3. Clima: ha bisogno di un clima temperato. In inverno infatti non sopporta troppo freddo, e rischia di compromettersi con temperature sotto i 5 e i 3 gradi. L’estate invece deve essere calda ma non troppo, sopra i 38 gradi rischierebbe ugualmente di danneggiarsi. Durante la primavera invece, occorre far attenzione ai venti molto freddi che potrebbero arrivare a rovinare i fiori e impedirebbero una buona fruttificazione.
  4. Piantare l’albero: le piantine devono essere messe nel terreno all’incirca all’inizio della primavera, facendo però attenzione ad eventuali venti freddi improvvisi che potrebbero uccidere la giovane piantina. Nel giro di poco se viene adeguatamente protetta, potrà creare i nuovi germogli.
  5. Terreno: le piantine di arance hanno bisogno del giusto terreno. Hanno bisogno infatti di un terreno ben fertile, concimato con sostanza organica. Deve essere profondo e ben drenato, però non sopporta i ristagni idrici. Il terreno ideale ha un pH compreso tra 6,5 e 7,5. Il terreno non deve essere argilloso e calcareo.
  6. Irrigazione: va irrigato abbondantemente nel periodo vegetativo, cioè tra marzo e ottobre. Considera però che non teme particolarmente la siccità ma anzi, teme troppa acqua per via dei ristagni idrici che potrebbero portare la pianta a soffrire di infezioni fungine e e marciume delle radici.