Dal progetto edilizio al preventivo della ditta: cosa fare prima dei lavori a casa

89

Devi effettuare dei lavori di ristrutturazione domestica e non vuoi farti trovare impreparato sotto nessun aspetto? La breve guida che segue ti aiuta in questo senso, fornendoti una sorta di check list di cosa fare prima dei lavori a casa.

Una guida a cosa fare prima dei lavori a casa per chi è alle prime armi

Parti dal capire perché e di che tipo di lavori hai bisogno. Se la tua abitazione è di recente costruzione o non è passato molto tempo dall’ultima volta che hai ristrutturato, infatti, potresti aver bisogno semplicemente di piccoli lavori di manutenzione o, perché no, potresti esserti stufato di vecchi mobili e vecchia distribuzione dello spazio e voler rinnovare la tua casa soprattutto da un punto di vista estetico-organizzativo. Il discorso è diverso invece se hai un vecchio immobile da mettere a norma, cosa che potrebbe richiederti, per esempio, di intervenire per adeguare gli impianti. Soprattutto se non hai grande familiarità con la materia, l’idea migliore è farti seguire fin da subito da dei professionisti: ingegneri, geometri e architetti sono abilitati in Italia a realizzarti un progetto per i lavori di ristrutturazione; se hai bisogno, però, di rivolgerti a dei professionisti delle soluzioni chiavi in mano e delegare almeno gli aspetti più tecnici, visita il sito di Idea Casa Plan.

A proposito di realizzazione di un progetto per i lavori di ristrutturazione, prendersi cura di tutte le faccende burocratiche è lo step successivo nella lista di cosa fare prima dei lavori a casa. Solo se stai effettuando dei lavori di manutenzione ordinaria (come la riparazione o la sostituzione di strutture già esistenti, eccetera) non sei obbligato a produrre dei documenti e richiedere delle autorizzazioni; in tutti gli altri casi, e in particolare se devi intervenire su impianti o strutture portanti dell’edificio o aumentarne la volumetria, per non incorrere in sanzioni devi chiedere di permessi al Comune dove si trova l’edificio, le famose CILA, SCIA, eccetera. Potrebbe volerci tempo per ottenerle, ragione per cui pensarci in anticipo è sempre una buona idea.

Altra cosa da fare con discreto anticipo rispetto all’inizio dei lavori a casa è cercare una ditta. Spesso se ci si è rivolti a un tecnico per la realizzazione del progetto edilizio, lo stesso ne avrà di fiducia da poter consigliare. In alternativa potresti accettare consigli di conoscenti che già prima di te sono passati dal dover effettuare dei lavori in casa. Evita soltanto di scegliere completamente a scatola chiusa: perché tutto fili liscio è di fondamentale importanza rivolgersi a dei professionisti. Della loro serietà te ne accorgi già in fase di realizzazione del preventivo: quanto più dettagliato è in riferimento alle spese da sostenere, ai tempi necessari per finire i lavori e meno ti si dovrebbero riservare brutte sorprese in corso d’opera. Tieni conto, però, che sforare, sia sul budget e sia sulla consegna dei lavori, può succede con una certa frequenza.

L’ultima casella di cosa fare prima dei lavori a casa è: cerca una sistemazione alternativa momentanea. Soprattutto se i lavori interesseranno bagno e cucina, infatti, non puoi pensare di restare a casa mentre gli operai lavorano.