Quando è necessario sostituire la batteria di un’e-bike

112

Una bicicletta elettrica, o bicicletta a pedalata assistita, è un dispositivo dotato di un motore elettrico e di una batteria ricaricabile. Il motore non svolge la funzione sostitutiva della pedalata, ma interviene per ridurre la fatica, in base alla velocità raggiunta dal ciclista e al suo ritmo. Per svolgere questa funzione, la bici elettrica è dotata di sensori che percepiscono lo sforzo e permettono di mantenere una pedalata costante e fluida.

Qualora il ciclista raggiunga e superi i 25 chilometri orari, il motore si arresta, lasciando che la pedalata sia totalmente a carico del ciclista. Sono disponibili tantissimi modelli di bici elettrica, per scoprirne le caratteristiche e individuare quello che può essere ideale è possibile trovare tutte le informazioni su www.bicielettricaqualescegliere.it, oltre a considerare alcuni elementi molto importanti.

Il peso e l’ingombro di un’e-bike costituiscono un elemento determinante, specialmente se si pensa di portare la bici in treno o in camper, e un’altra caratteristica di cui tenere conto è la batteria.

A cosa serve la batteria di una bici a pedalata assistita

La batteria di un’e-bike rappresenta il sistema di alimentazione del veicolo. Il motore entra in funzione normalmente in alcune determinate situazioni e in base al sensore di cui la bicicletta è dotata. Generalmente il motore è integrato nel telaio, mentre la batteria nella maggior parte dei casi può essere rimossa per facilitare la ricarica, tuttavia in alcuni modelli è fissa e viene rimossa solo per essere sostituita.

Il tempo di autonomia garantito da una batteria varia in base alla potenza in Watt  / Ora: ad un valore più alto corrisponde una maggiore durata della carica. Normalmente le bici elettriche montano batterie di una potenza intorno ai 400 Wh, che può variare nel caso delle mountain bike, le quali necessitano di un’autonomia più lunga.

Quando è il momento di ricaricare la batteria dell’e-bike

È sempre consigliabile effettuare una ricarica completa alla fine di ogni uscita, soprattutto se abbastanza lunga, tenendo conto che comunque il consumo di energia elettrica necessaria per questa operazione è davvero molto basso.

Per evitare sorprese a metà percorso, si consiglia di controllare sempre prima di uscire la presenza di una stazione di ricarica, oppure di portare con sé una seconda batteria già carica, da utilizzare in caso di emergenza.

Qualora ci si ritrovasse invece, inavvertitamente, con la batteria completamente scarica, la bicicletta può essere in ogni caso utilizzata come fosse priva di motore, pedalando normalmente.

Sostituzione della batteria di un’e-bike

La batteria di una bicicletta a pedalata assistita dispone di un certo periodo di vita, come ogni altra batteria ricaricabile, correlato soprattutto all’intensità dell’utilizzo oltre che alla potenza e al modello.

Indicativamente viene indicato come riferimento un migliaio di cicli di ricarica, anche se spesso non si arriva ad effettuare un ciclo completo, per cui la durata risulterà più lunga. Ovviamente, nel corso del tempo, il tempo di ricarica diminuirà gradualmente, fino ad esaurirsi: si può dire che, con un utilizzo di media intensità, una batteria per l’e-bike può durare all’incirca tre anni.