Trasporti Milano: arrivano aumenti sui biglietti della ATM

280

L’azienda municipalizzata per il trasporto pubblico di Milano e dintorni, la ATM, prevede un aumento dei biglietti, dal quale però saranno escluse alcune categoriecome gli anziani e gli studenti mentre i minori di 14 anni viaggeranno gratuitamente.

I rincari riguarderanno gli abbonamenti giornalieri, settimanali e mensili per poter recuperare più risorse, circa 55 milioni. I milanesi dovrebbero usare di più gli abbonamenti stagionali che rimarranno invariati, a detta del sindaco di Milano Giuseppe Sala. Gli utilizzatori costanti del servizio, i giovani e gli anziani saranno protetti dall’aumento, invece. È da 7 anni che non ci sono aumenti per il servizio di trasporto, che comunque conserva costane la sua qualità, avviando anche il cantiere per la metro 4, di colore lilla.

Il biglietto singolo passerà da 1,5 euro a 2 euro, pagabili anche con un pratico sms, pari al 33% di aumento. Anche gli altri titoli di viaggio subiranno un aumento, anche se di percentuale infierire. Gli abbonamenti annuali si salvanoperò da questo aumento, mantenendo invariato il loro prezzo. Questo è uno stimolo a usare di più i mezzi e fare degli abbonamenti annuali che hanno un costo più vantaggioso respitto ai mensili ai settimanali che avranno, dal 1° gennaio 2019, un prezzo maggiore. Un’altra novità che riguarda gli abbonamenti annuali: il costo potrà anche essere pagato in pratiche rate mensili.

Per dare il via libera all’aumento dei press si dovrà aspettare ancora qualche settimana, ma il vertice di maggioranza si è già riunito. Super blindato per via delle protestedi alcuni consiglieri, il sindaco assieme l’assessore alla mobilità Marco Granelli ha spiegato i motivi di tale manovra. Nemmeno dalla maggioranza la manovra di aumenti è considerata positiva, ma anzi ha raccolto alcuni dissensi. La richiesta fatta al sindaco è quella di agevolare comunque alcune categorie considerate più deboli, come gli studenti e gli anziani.

Una proposta per contrastare gli aumenti è l’introduzione del biglietto breve di solo un euro dedicata a chi deve fare solo alcune fermate delle metro. In tale maniera si possono agevolare soprattutto i turisti ma non solo. La proposta è stata rigetta dal sindaco Sala, che comunque non ha escluso una sua attivazione in futuro. Probabilmente si prospetta una sperimentazione di questa formula a partire dal 2020 però.

Per maggiore chiarezza, ecco quali saranno gli aumenti in atto dal 2019: il carnet da 10 corse passa da 13,80 E a 18. Il giornaliero avrà un aumento superiore al 50%, passando da 4,5 E a 7. Il settimanale costerà 17 euro invece che 11,30 e il mensile 39 anziché 35. Il costo dell’annuale resta invariato. I senior e gli under 26 non avranno tariffe agevolate invece. I minori di 14 anni non accompagnati viaggiano gratisma servirà ugualmente fare una tessera, anche se a costo zero. Infine, l’abbonamento annuale di 50 euro per i disoccupati potrà essere richiesto anche dai componenti di famiglie con reddito Isee inferiore ai 6 mila euro.