Uber Taxi: la nuova applicazione è sbarcata a Torino!

14
Uber-taxi

A Torino è arrivata Uber Taxi: la nuova applicazione per smartphone permetterà di prenotare un taxi in pochi secondi con un semplice click. L’ormai noto servizio di taxi privati Uber non ha certo avuto una storia positiva in Italia: nel 2015 i tassisti di moltissime città hanno messo in atto una vera e propria rivolta e forse non avevano neanche tutti i torti. Gli stessi responsabili della società lo hanno ammesso: Uber si è imposta in modo prepotente, senza considerare la categoria dei tassisti che sarebbe stata danneggiata da questo nuovo servizio. Forse anche per questo motivo adesso la società sta andando con i piedi di piombo: la sperimentazione della nuova app è partita solamente a Torino. A seconda di come andrà, si valuterà poi se portare il servizio anche in altre città italiane.

Nulla a che vedere quindi con il servizio di trasporti privato, che rimane vietato dopo la sentenza del Tribunale di Milano. Uber Taxi è un’applicazione che permette di prenotare il proprio taxi con un semplice click: sarà quindi convenzionata con i tassisti che sceglieranno di aderire e che dovranno pagare una quota per il servizio pari al 7%.

Come funziona Uber Taxi?

L’applicazione Uber Taxi è simile alla già attiva e diffusa MyTaxi, che a Torino viene già utilizzata da diverse persone, ma vanta qualche funzionalità in più. Per quanto riguarda i tassisti, Uber Taxi prevede la stessa trattenuta della sua applicazione sorella ossia il 7%, quindi per la categoria non ci sono grandi differenze.

Gli utenti invece, grazie a questa applicazione, potranno non solo prenotare il proprio taxi ma anche visualizzare il percorso da fare per arrivare a destinazione, sapere quanto tempo ci sarà da aspettare, pagare la corsa senza usare contanti e addirittura conoscere le informazioni sull’autista. Si tratta quindi di un’applicazione che ci permette di spostarci con semplicità e in maggior sicurezza.

Per utilizzarla è sufficiente scaricarla gratuitamente da Google Play o dall’Apple Store, installarla e prenotare la propria corsa in taxi.

Quando arriverà Uber Taxi nelle altre città?

Per il momento è partita la sperimentazione di Uber Taxi solamente a Torino e la compagnia sa perfettamente che dopo gli errori commessi qualche anno fa adesso è necessario andare con i piedi di piombo. E’ comprensibile che alcuni tassisti siano ancora scettici, ma questa volta le cose sono completamente differenti. Per il momento Uber ha parlato di poche decine di tassisti disposti a collaborare ed usufruire di questo servizio e Torino non è stata scelta a caso come terreno di sperimentazione. Questa città infatti non ha mai visto gli altri servizi Uber ed è quindi più plausibile che i tassisti siano più disposti ad una collaborazione. C’è ancora diffidenza però nell’aria, quindi bisognerà aspettare e vedere come evolve la situazione. In questo periodo con i blocchi antismog i cittadini potrebbero avere maggiori necessità di questi servizi di trasporto.

Di certo, se Uber Taxi dovesse funzionare a Torino arriverà presto anche nelle altre città italiane. Per il momento però la società preferisce non fare previsioni e stare a vedere come la gente ed i tassisti prenderanno questa novità, che di certo potrebbe tornare molto utile per tutti.